La Settimana Santa e i suoi riti

La Settimana Santa e i suoi riti

Dopo due anni di pandemia riprendono le tante celebrazioni organizzate in tutta Italia, nel segno della tradizione

Sono centinaia gli appuntamenti a cui si può assistere fino a domenica, lungo tutta la Penisola. Dalle Vie Crucis alle processioni scenografiche fino ai canti rituali e alle curiose feste di Pasqua. Dal Cristo rosso che attraversa la Valsusa alle processioni delle Macchine, tradizione di Vercelli, fino al Mortorio Pasquale di Villafalletto. Celebrazioni che in Piemonte vengono annunciate dai Cantè ja’euv, le tradizionali questue quaresimali che inondano di musica decine di piccoli comuni.

Forse non tutti sapranno che in Lombardia dimora una sorta di Sacro Graal nostrano. A Mantova, nella Basilica di Sant’Andrea sono custoditi i Sacri Vasi, due coppe nelle quali il soldato Longino, ai piedi della Croce, avrebbe raccolto la terra intrisa del sangue di Cristo. L’autenticità della reliquia è stata validata più volte dalla Chiesa cattolica nel corso dei secoli. Ogni anno, nel pomeriggio del Venerdì Santo vengono aperti i forzieri che racchiudono i due preziosissimi calici. Un complesso meccanismo di 12 serrature e altrettanti chiavistelli protegge i Sacri Vasi da un eventuale tentativo di furto.

I chiavistelli vengono custoditi dalle più alte cariche statali ed ecclesiastiche e solo alla presenza di costoro è possibile aprire una dopo l’altra le serrature dei forzieri. I Sacri Vasi vengono esposti all’adorazione dei fedeli e la sera sono portati in processione, per poi rientrare nella cripta sotterranea della basilica ed essere accuratamente richiusi.