Produttore di hit come Levels e Wake Me Up, Avicii è morto oggi in Oman per cause ancora sconosciute.


Clicca QUI per leggere l’ultimo aggiornamento.


 

Tim Bergling, il famoso dj svedese meglio noto come Avicii, è morto oggi a soli 28 anni. L’annuncio è stato dato in un comunicato dalla manager Diana Baron; le cause sono ancora sconosciute.

“È con profondo dispiacere che annunciamo la scomparsa di Tim Bergling, anche conosciuto come Avicii. Il suo corpo è stato trovato senza vita a Muscat, in Oman, questo pomeriggio, il 20 aprile. La famiglia è devastata e vi chiediamo di rispettare il loro bisogno di privacy in questo momento così difficile. Non saranno rilasciate altre dichiarazioni.”

Il successo di Bergling è sbocciato nel 2011 con la hit Levels, disco di platino negli USA e in cima alle classifiche di tutto il mondo, e si è poi consacrato due anni dopo con Wake Me Up in collaborazione con Aloe Blacc.

 

 

Lo stesso Blacc ha twettato il proprio dolore e le sue condoglianze alla famiglia appena appresa la notizia.

 

 

Le cause del decesso sono ancora sconosciute, ma sono noti i suoi passati (forse non del tutto) problemi di salute. Nel 2014 Avicii ha dovuto combattere contro una pancreatite acuta, dovuta probabilmente all’abuso di alcool, ed è stato costretto a rimuovere la cistifellea e l’appendice annullando vari concerti. Finché, nel 2016, non si è ritirato definitamente dalla scena live, continuando tuttavia a produrre musica, interrompendo il tour mondiale.

“Le mie scelte e la mia carriera non sono mai state guidate dalle cose materiali, nonostante sia grato per le opportunità e i comfort che il successo mi ha concesso di avere” – scrisse ai fan. “So che aver avuto la possibilità di girare per il mondo per fare i miei concerti è stata una benedizione, ma mi sono dedicato troppo poco alla vita della persona reale dietro l’artista”. Il ritiro dal tour è arrivato tuttavia dopo la cancellazione di una serie di concerti, tra cui quello di Las Vegas, a causa di problemi di salute.

 

 

Oltre ai suoi lavori, Avicii ha anche collaborato con tantissimi grandi artisti internazionali, come i Coldplay (A Sky Full of Stars e Hymn for the Weekend), Madonna, Robyn, Major Lazer e Daft Punk. Tra le tante, Sunshine, una collaborazione con David Guetta, ha ottenuto anche la nomination ai Grammy nel 2012 come Best Dance Recording.
Molti di loro hanno voluto esprimere le proprie condoglianze tramite i social.

 

 

Something really horrible happened. We lost a friend with such a beautiful heart and the world lost an incredibly…

Pubblicato da David Guetta su venerdì 20 aprile 2018

 

Can't really describe in words how sad I feel right now.. thank you for inspiring me and million others. RIP Avicii 😔❤️

Pubblicato da Martin Garrix su venerdì 20 aprile 2018

 


 

AGGIORNAMENTO

Sei giorni dopo l’improvvisa morte di Avicii, la famiglia del DJ rompe il silenzio rilasciando una nuova dichiarazione riguardante la vita e la carriera di Tim Bergling che lascia trasparire (dando poco adito a dubbi) possa essersi trattato di un suicidio. Di seguito il testo completo riportato da Billboard.

 

 

“Stoccolma, 26 Aprile 2018

Il nostro amato Tim era un ricercatore, una fragile anima artistica in cerca delle risposte alle domande esistenziali. Un ragazzo troppo perfezionista che ha viaggiato e lavorato duramente ad un ritmo che lo ha condotto ad uno stress estremo.

Quando ha smesso di fare tour, voleva trovare un equilibrio nella sua vita per essere felice e riuscire a fare la cosa che più amava: la musica…

Ha davvero lottato con pensieri come come il significato di tutto, la vita, la felicità.
Non poteva più andare avanti.
Voleva trovare la pace.

Tim non era fatto per i meccanismi del business in cui si è ritrovato; era un ragazzo sensibile che amava i suoi fan ma evitata i riflettori.

Tim, tutti ti ameranno e sentiranno la tua mancanza per sempre.

La persona che eri e la tua musica terranno vivo il tuo ricordo.

Ti ameremo per sempre,
La tua famiglia”

 

 

 

 

Queste toccanti parole sono arrivate dopo una prima dichiarazione rilasciata lunedì 23 aprile, in cui la famiglia di Avicii ringraziava i fan e gli artisti per il loro supporto e i tributi al DJ svedese che hanno fatto il giro del mondo.
“Siamo così riconoscenti a tutti coloro che hanno amato la musica di Tim ed hanno ricordi preziosi delle sue canzoni. Grazie per tutte le iniziative che avete svolto in onore di Tim, per i raduni in piazza, le campane della chiesa che suonavano la sua musica, i tributi al Festival della Musica di Coachella e i momenti di silenzio in tutto il mondo.”

 

 

 

 

 

Fonte: BillboardRollingStone