Da oggi al Macro di Roma la mostra sulla rock band britannica. Per presentarla sono arrivati nella capitale Roger Waters e Nick Mason.


A Roma ha aperto i battenti la mostra The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains, ufficialmente in corso al Macro da oggi 19 gennaio fino all’1 luglio.

Si tratta di un vero e proprio viaggio audiovisivo che ripropone i 50 anni di carriera della band attraverso musica e immagini significative, oggetti e video. I Pink Floyd infatti non hanno segnato il mondo soltanto con le proprie canzoni, ma hanno lasciato quella che si può definire una vera e propria eredità visiva: tra le copertine dei dischi e la scenografia dei tour hanno fatto la storia della cultura pop, basti pensare al prisma di The Dark Side of the Moon o al maiale di Animals.

 

mostra pink floyd roma
foto da IlPost

 

The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains è stata realizzata dallo studio di grafica Hipgnosis – nello specifico da Storm Thorgerson, fondatore dello studio, e dall’illustratore Aubrey ‘Po’ Powell – con la collaborazione del batterista del gruppo Nick Mason.

La tappa di Roma sarà la prima del tour internazionale della mostra, presentata al Victoria and Albert Museum di Londra dove è stata visitata da oltre 400mila persone.
All’inaugurazione nella capitale italiana hanno presenziato anche il cantante e bassista della band Roger Waters e lo stesso Mason, che hanno condiviso con i presenti alcuni dei loro ricordi più vividi dei concerti che hanno tenuto nel Paese. Waters ha inoltre aggiunto che, in realtà, non è molto interessato al loro passato ma al presente, dato che sarà infatti in tour per due anni (con due tappe previste in Italia a luglio a Lucca e Roma) e si sta concentrando molto sulla questione dei diritti umani. Tuttavia non ha tralasciato di definire la mostra come un “miracolo tecnologico” che lo ha sorpreso riportandogli alla mente tanti ricordi attraverso cose che non vedeva da tempo.

Sono sicuro che chiunque abbia un interesse per i Pink Floyd troverà questa mostra eccellente. – rogers Waters

 

The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains sarà quindi un’ottima occasione per chi non conosce il gruppo britannico (soprattutto per motivi anagrafici) di scoprire la storia della band, ma anche un bellissimo nuovo viaggio per i fan incalliti attraverso tutto ciò che ha fatto dei Pink Floyd i loro idoli.

Fonte: IlPost, RaiNews24