Home » Intrattenimento » Serie TV » Stranger Things 2: il significato della canzone finale

Stranger Things 2: il significato della canzone finale

Nell’ultima scena della seconda stagione di Stranger Things si sente una nota canzone degli  anni ’80 che aggiunge un significato più profondo alla scena.

Attenzione, spoiler se non avete visto tutta la seconda stagione di Stranger Things.

L’ultimo episodio, La porta, si conclude con la scena del ballo e, a mio parere, è la più bella di tutta la serie. Dustin va a chiedere a ogni ragazzina presente di ballare con lui, ma nessuna vuole. Inizia allora a piangere, ma in quel momento Nancy lo nota e gli chiede di ballare con lei. Tutta questa scena toccante è accompagnata dalle bellissime note di Time after time di Cyndi Lauper, canzone uscita nello stesso anno cui è ambientata la seconda stagione di Stranger Things, cioè il 1984.

Attenzione, non è la canzone di Cyndi Lauper su cui ci soffermeremo. La scena prosegue con Mike rimasto da solo. A un certo punto, entra nella palestra Eleven ed entrambi incominciano a ballare. La canzone che accompagna questo momento romantico è Every Breath You Take dei Police.

Molti pensano che questa sia una canzone romantica e, se inserita in questa scena, si parla appunto del rapporto tra Mike ed Eleven. In realtà, la canzone parla di tutt’altro. Si racconta di uno stalking. Alcune parole sono esplicative: ogni respiro che fai, ogni mossa che fai, ogni legame che rompi, io ti guarderò. Se non siete ancora convinti, prendiamo altre parole delle canzone che dicono: oh, non riesci a capire che tu mi appartieni? Eh sì, essa non parla di un innamorato, ma di uno stalker e la scelta della canzone non è casuale in questa scena.

La scena prosegue all’esterno. Con un movimento di camera ci ritroviamo nella versione Sottosopra della scuola. Sopra l’edificio ritroviamo il Mind Flyer ed è lui lo stalker in questione. La canzone  parla quindi del rapporto tra lui ed Eleven.

Shawn Levy, produttore esecutivo e regista della serie, a Beyond Stranger Things afferma:

C’è l’idea di “io ti guarderò”, dato come finisce la serie, e il fatto che ci sia qualcosa che guarda. 

E con questo stalker si conclude la seconda stagione di Stranger Things.

Comments

comments

Jeffrey Tambor coinvolto in uno scandalo
Previous post
Jeffrey Tambor indagato per molestie sessuali
logo tex nuovo 70 anni
Next post
Settant'anni di Tex: ecco il logo

No Comment

Leave a reply