Home » Intrattenimento » Comics » HAXA 1 – I confini del vento: la nuova creatura di Pellizzon mostra gli artigli

HAXA 1 – I confini del vento: la nuova creatura di Pellizzon mostra gli artigli

HAXA 1 – I confini del vento si distingue per 2 grandi caratteristiche: grafica e scrittura!

Haxa di Nicolò Pellizzon è un prodotto elegante, raffinato e singolare, che mette in scena un mondo ed una narrazione non indifferente, tanto da suscitare stupore, ammirazione e dinamicità a chi legge quest’ opera, composta in quattro capitoli già in programma, da parte del piano editoriale BAO Publishing.

Una storia che apre letteralmente la mente. Tra creature mistiche ed occulte, fazioni e personaggi fuori dalla norma capaci di abilità esoteriche eccezionali, veniamo catapultati un un universo vastissimo, se non infinito che fa del suo fulcro la magia, la stregoneria e l’occulto, tanto da aprire tantissime strade e concezioni ancora sconosciute attualmente dalla nostra popolazione:

Dopo che il mondo scopre la magia, due fazioni si dividono e si contendono il “posto”: il sei percento della popolazione, ha la capacità di trasformare la materia secondo leggi elementali, oppure di evocare creature di altre dimensioni. Nel primo caso, il soggetto in questione viene educato, e se la sua coscienza desidera può dedicare la sua vita in difesa dell’umanità, da parte dei goetiani, ovvero i maghi, citati poca fa, capaci di evocare creature sterne, ovvero “aliene” che non vivono in questo mondo.

Ma forse, tutto questo è stato creato per generare una copertura per quanto riguarda l’equilibrio ancestrale. Infatti solo un gruppi di ragazzi reietti e rifiutati dalla società, cercherà di scoprire e combattere questo inganno, grazie alle loro enormi capacità gestuali , e grazie sopratutto alla loro forza di volontà e giustizia.

 

DISEGNI

Dopo, si fa per dire, alla storia per scritta e costruita, si passa al disegno che accompagna tutta la nostra vicenda in maniera dinamica, potente e particolare, tanto da diventare il tratto distintivo di quest’opera stessa. Infatti non si riesce ad immaginare la narrazione di questo volume, senza le trovate “registiche” e stilistiche che particolarizzano la mano ed il tratto di Nicolò Pellizzon, che ha regalato un capolavoro delizioso e superbo al pubblico, il quale può solo ammirare e “sprofondare”.

Il tratto “tremolante” e particolare di questo autore delizia ed amplia la qualità visiva ed espressiva del racconto, visto e considerato che quest’ultimo è uno dei punti di forza di Haxa;  questi regala, nonostante già l’enorme qualità, personaggi carismatici e particolari, resi credibili ed apprezzati dal pubblico, grazie sopratutto alle illustrazioni e le costruzioni definitive mostrate pagina dopo pagina, testo dopo testo, che si concentra ed amplia sopratutto per quanto riguarda le “location” e i poteri mostrati dai protagonisti.

Haxa

Haxa

Amore, vendetta, fantasy, occulto e tanto altro, sono rappresentate dall’autore in maniera magistrale e corale. Tavole superbe e “mistiche” si fondono perfettamente alla storia narrata da questo volume, che regala emozioni e tanti punti di vista nuovi, magari mai esplorati prima dal lettore in questione; quest’ultimo si ritrova ormai nella vicenda, è immerso nel romanzo visivo dalle forti tinte fantasy, il quale si prospetta davvero particolare e degno di nota.

Haxa

ANALISI FINALE

Nicolò Pellizzon confeziona un prodotto davvero importante, imponente e degno di nota. Un viaggio mistico, espressivo e riflessivo che scava nel nostro passato, per mostrare un futuro quasi indefinito, ma comunque plausibile; ma comunque stiamo ovviamente parlando di un fantasy a tutti gli effetti, che sa gestire in maniera ottimale le citazioni della cultura pop a cui si rifà, visto e considerato che è una sorta di fumetto supereroistico reinterpretato da parte dell’autore.

Amore, guerra, action, fantasy e tanta tantissima cultura pop fanno da sfondo ad una storia ben articolata e ottimamente illustrata, grazie a tavole memorabili che ricalcano appieno lo stile della narrazione;  questa indossa“vesti” molto particolari sopratutto per quanto riguarda le ambientazioni infinite e astratte inventate da Pellizzon, il quale sta costruendo un vero e proprio mondo, visivamente parlando, oltre che ai tantissimi personaggi che avremo modo di conoscere durante la stesura degli altri tre volumi.

Comments

comments

I Negramaro, una delle band italiane più amate, ritornano sulla scena musicale.
Previous post
Negramaro, "Amore che torni": recensione
Novità nel mondo del cinema italiano: nuovo decreto approvato.
Next post
Big news nel cinema italiano: un nuovo decreto abolisce la censura

No Comment

Leave a reply