Primo riconoscimento USA per il lungometraggio animato della Mad Entertainment.


Gatta Cenerentola, che gli americani impareranno a conoscere come Cindarella the Cat, ha ottenuto il suo primo riconoscimento oltreoceano.
Il film del quartetto formato da Alessandro RakIvan CappielloMarino Guarnieri e Dario Sansone, è stato infatti premiato con il Capri European Award come Best Animated Feature.


Gatta Cenerentola 62499


La premiazione avverrà in occasione della ventiduesima edizione di Capri, Hollywood, festival che si terrà a Los Angeles tra il 26 dicembre 2017 e il 2 gennaio 2018.
Il lungometraggio d’animazione napoletano, reinterpretazione fantascientifica e noir della favola seicentesca di Giambattista Basile, cercherà di conquistare il pubblico statunitense a partire dal 27 novembre, quando sarà presentato in anteprima a Hollywood presso il Chinese Theatre, dopodiché uscirà ufficialmente il 9 dicembre a Beverly Hills nel Laemmlès Music Hall Theater.


Gatta Cenerentola 62488


Già vincitore del Premio della critica “Pasinetti” alla scorsa Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, Gatta Cenerentola è anche tra i 26 film candidati a entrare nella cinquina delle nomination agli Oscar 2018 per la categoria miglior film d’animazione.
Ovviamente non possiamo che augurare il meglio all’ultimo prodotto della Mad Entertainment, del quale abbiamo già parlato in questa recensione come di una delle attuali migliori espressioni di talento artistico e narrativo nostrano.

Fonte: repubblica.it

Comments

comments

CONDIVIDI
Articolo precedenteAssassin’s Creed: Origins – Recensione
Articolo successivoAddio a Hiromi Tsuru, doppiatrice di Bulma
Nato nel 1992 e allevato da due pantegane che si facevano chiamare Topolino e Geronimo Stilton. La sua vita ha preso una strana e avventurosa piega quando sono arrivati un Ranger del Texas con la camicia gialla e il capitano di un sottomarino chiamato Nautilus. Tra una pagine e l'altra non disdegna di guardare un buon film, meglio se animato perché certi sogni si realizzano solo disegnandoli. A proposito di sogni, pare che di notte veda Sergio Leone che umilia Zack Snyder in un duello di sguardi e che poi si svegli sudato.