Home » Miscellanea » Tom’s Hardware: morto nell’attentato a Barcellona Bruno Gulotta.

Tom’s Hardware: morto nell’attentato a Barcellona Bruno Gulotta.

Barcellona, 17 Agosto 2017: Tom’s Hardware perde una colonna portante del suo staff.


17 Agosto 2017, siamo a Barcellona in Spagna. Si ripete la stessa, identica macabra scena degli attentati di Nizza e Berlino: un furgone parte a tutta velocità sulla Rambla di Barcellona investendo i passanti. La conta dei morti è ancora incerta, ma c’è chi sa con certezza chi c’è fra le vittime: Tom’s Hardware, il famoso sito di divulgazione di informazioni su tecnologia e videogames e fornitore di vari servizi a pagamento per tutti i dispositivi (da tablet ai portatili, dalle console agli smartphone), annuncia con profondo dolore la morte del loro collega ed amico Bruno Gulotta.


Bruno Gulotta.

Come affermano nel loro articolo, Bruno era a Barcellona in ferie con la moglie e con i figli, facendo un percorso che egli rendeva indelebile mandando le foto ai propri compagni: da Cannes e poi anche dalle Ramblas di Barcellona.

«Abbiamo passato la sera e la notte cercando di mantenerci lucidi, a comunicare ai colleghi e ai conoscenti più stretti la notizia e tutti mi chiedevano se fosse uno scherzo macabro o la realtà. E poi abbiamo iniziato a leggere le pubblicazioni dei giornali online che fanno a gara a raccogliere quante più notizie, foto o video di questo giovane italiano morto in un attentato terroristico a Barcellona.»

Bruno Gulotta era il responsabile marketing e vendite di Tom’s Hardware. Era soprattutto un amico per tutti coloro con cui lavorava nella redazione. Tom’s Hardware riporta ancora:

«Bruno era un punto di riferimento per tutti quelli che lo hanno conosciuto. Per noi di Tom’s Hardware era una colonna portante. Chiunque entrava in contatto con lui, che si trattasse di clienti, fornitori o star del web, restava colpito dalla sua gentilezza e dalla sua professionalità. Aveva una fame insaziabile di conoscenza ed era un vero smanettone, uno di noi, anche se poi aveva deciso dedicarsi a tempo pieno al marketing e alle vendite, di cui era diventato responsabile. E in quel ruolo non ho mai conosciuto una persona più capace. Amava studiare ogni aspetto della propria vita e professione, era un lettore insaziabile e un avido ricercatore della perfezione.

Noi di The Brain of Pop Culture ci uniamo al dolore della famiglia e della redazione di Tom’s Hardware e diamo le nostre più sentite condoglianze nella speranza che la giovane moglie con i suoi bimbi abbiano la forza superare questo orribile momento.

Comments

comments

Crossover Dragon Ball Super e One Piece.
Previous post
Dragon Ball Super e One Piece in un nuovo crossover?
wan McGregor torna a parlare sulla possibilità del film su Obi Wan Kenobi.
Next post
Clamoroso stand-alone su Obi-Wan Kenobi: ecco il nome del regista!

No Comment

Leave a reply