Home » Intrattenimento » Cinema » Infinity War: Iron Man e Star-Lord sono una coppia esplosiva!

Infinity War: Iron Man e Star-Lord sono una coppia esplosiva!

Cosa può accadere quando Robert Downey Jr. e Chris Pratt si incontrano sul set di Avengers 3? A darcene un assaggio è Dave Bautista.


Avengers: Infinity War, il prossimo crossover cinematografico targato Marvel, vede moltissimi dei personaggi più amati del MCU fare fronte comune all’ascesa del malvagio Thanos, interpretato da Josh Brolin nascosto sotto una copiosa CGI.
Inutile dire quanto bastino questi presupposti per mantenere alta l’hype dei fan, ma Dave Bautista, ovvero Drax il Distruttore dei Guardiani della Galassia, ci ha tenuto a incuriosire ancora di più il pubblico proprio sull’aspetto “team-up” del terzo film dei Vendicatori.

Ieri, infatti, l’attore è stato intervistato da Yahoo! Movie per promuovere Bushwick, il suo ultimo film, ed ha parlato anche di Infinity War. In particolare ha voluto soffermarsi su due dei suoi colleghi presenti nel film: Robert Downey Jr. (Tony Stark/Iron Man) e Chris Pratt (Peter Quill/Star-Lord).
Queste sono state le parole di Bautista: “Sono entusiasta di alcune cose che abbiamo fatto, ma non so cosa accadrà nel film. Ho sempre pensato che ci sarebbe stata una buona interazione tra Tony Stark e Drax e c’è stata. E anche stra Tony Stark e Star-Lord. Quando metti quei due insieme in una stanza è come se avvenisse una combustione spontanea. Si parla di due ragazzi di talento, simpatici, intelligenti e capaci nel loro lavoro. È stato uno spettacolo e sono eccitato di poterlo testimoniare in prima persona“.

Conoscendo la mole di battute che i due ci hanno regalato nelle scorse pellicole del MCU, non abbiamo motivi di dubitare di tutto ciò. Purtroppo per chi non è Bautista, bisognerà aspettare il 2018 per assistere alle esilaranti scene scaturite dall’incontro tra il “genio, miliardario, playboy, filantropo” e il ballerino leader dei Guardiani.

Fonte: Screenrant

Comments

comments

Ultimo saluto a Chester Bennington
Previous post
One More Light: il nostro ultimo saluto a Chester Bennington
"Notes From The Underground": review
Next post
"Notes From The Underground" by David Kollar: recensione/review

No Comment

Leave a reply