Home » Intrattenimento » Musica » BayFest 2017: intervista ad Andrea Rock live con Andead

BayFest 2017: intervista ad Andrea Rock live con Andead

Oggi The Brain of Pop Culture in diretta da BayFest 2017, festival punk-rock/hardcore con sede ad Igea Marina ha intervistato Andrea Rock, conduttore radiofonico, giornalista e DJ. 

Andrea ha lavorato presso Rock TV e attualmente lavora con Virgin Radio.
Tra poche ore Andrea suonerà live @BayFest con la sua band, gli Andead.

1) Ci racconti un po’ la tua storia? Hai iniziato prima come giornalista o musicista?

Andrea Rock: La passione per la musica è iniziata quando avevo 14 anni, quando ho incontrato il punk rock attraverso i dischi che ascoltavo in quel periodo: Punk in Drublic dei NOFX, Dookie dei Green Day, …And Out Come the Wolves dei Rancid. Quella è stata la prima parte della mia formazione e come ogni adolescente amante della musica ho messo su il primo gruppo e suonavo nei ritagli di tempo a scuola etc… Ho iniziato a mettere dischi nei locali, a fare il dj e così compravo i dischi e andavo a concerti. Andando
ad un concerto ho conosciuto i futuri colleghi di Rock TV e ho così iniziato ad intervistare per loro gruppi stranieri. Una delle mie skills è una buona conoscenza dell’inglese. Ho scritto per RockSound e tante altre testate musicali. Successivamente conobbi Ringo mentre lavorava a Doctor Ringo, su Radio 105. Tempo dopo è iniziata la mia avventura con Virgin Radio, una storia dura con piacere da 10 anni.

2) Come e quando ti sei appassionato alla musica? 

Andrea Rock: Mi sono appassionato alla musica a 14 anni. Le band di cui sono ed ero innamorato sono i Green Day e Ramones. Le mie band preferite adesso sono i Social Distortion, Rancid e Tom Waits, il terzo artista è un Punk nello spirito.

3) Ci parli del tuo progetto, gli Andead?

Andrea Rock: Gli Andead nascono 10 anni fa dalla mia volontà di fare punk rock. Ho iniziato 14 anni facendo punk, in questa band che avevo a liceo e che successivamente si è evoluta dal punk, all’hardcore fino al crossover/nu.metalAvevamo un filino di influenze più metal nel soundwriting. Giunto ai 25 anni ho sentito la necessità di tornare al punk-rock, genere nel quale puoi dare molte parole e contenuti. Il punk non può essere slegato o essere solo musica.

Nel 2009 abbiamo preparato il primo disco e oggi siamo giunti al quarto, che si chiama 4 the Underdogs.

4) Sei a lavoro su un nuovo disco?

Sono a lavoro su un nuovo disco solista, c’è un progetto folk acustico che prende il nome di Andrea Rock e questa settimana sto mettendo in piedi lo scheletro di ciò che sarà il nuovo disco. I riferimenti sono Fred Turner Chuck Regan. Si tratta di un tipo di soundwriting inglese e americano. L’Irlanda per me è un punto di riferimento musicale importantissimo. Il primo disco è uscito nel 2015, nel 2016 un EP e prossimamente uscirà un altro EP o disco completo se ce la faremo tempisticamente. A Marzo è uscito il nuovo disco degli Andead e lo porteremo avanti sicuramente per un altro anno, questo è sicuro.

Di seguito il nuovo singolo degli Andead intitolato She Don’t Care.

Intervista di Antonio Preziosi

Foto a cura di Jacopo De Benedictis 

 

Comments

comments

Previous post
BayFest 2017: primo giorno con Pears, Undeclinable Ambuscade e Less Than Jake
Next post
Hulk - protagonista di uno spot brasiliano della Renault

No Comment

Leave a reply