Home » Intrattenimento » Serie TV » Game of Thrones 7: Teorie sulle sorti di Westeros

Game of Thrones 7: Teorie sulle sorti di Westeros

Finalmente la prima puntata della nuova stagione di “Game of Thrones” è andata in onda e, indipendentemente dalla propria casata del cuore, quel che è certo è che ne vedremo delle belle.
Oggi, analizziamo le teorie che potrebbero divenire realtà in questa nuova ed entusiasmante settima stagione.
Quindi accomodatevi e tenetevi forti, perché “L’inverno è arrivato“.

*SPOILER ALERT: se non avete visto la prima puntata della settimana stagione, tornate quando l’avrete fatto!*

 

Game of Thrones 7


I Lannister

Westeros ha una nuova Regina Madre, e chi oserebbe dissentire?
Dopo aver fatto esplodere il Grande Tempio di Baelor, Cersei Lannister (Lena Headey) ha eliminato un gran numero di seccatori, ma con essi ha anche distrutto ogni possibilità di alleanza con le maggiori casate dei Sette Regni. Il suo comportamento è tutt’ora oggetto di discussione. La Regina ha forse agito d’impulso, mirando all’Alto Passero e valutando la perdita degli altri come “accettabile”? O forse puntava anche all’eliminazione diretta dei Tyrell, prima fra tutti alla nuora Margaery (Natalie Dormer)?
Resta certo che Tommen Baratheon (Dean-Charles Chapman) si è tolto la vita per colpa del gesto della madre, facendo avverare la profezia che venne fatta a Cersei dalla strega, la vecchia Maggy la Rana:
“Avrai tre figli (…) D’oro saranno le loro corone e d’oro i loro sudari.”
Joffrey, Myrcella e Tommen sono morti, lasciando solo odio nel già arido cuore della Regina Madre.
Esiste, tuttavia, un continuo di questa profezia, non rivelata nella serie, collegata a Cersei e, udite udite, alla sua morte:
“E quando sarai annegata nelle tue stesse lacrime, il valonqar chiuderà le mani attorno alla tua gola bianca e stringerà finché non sopraggiungerà la morte.”
Valonqar in Alto Valiryano significa “fratello minore“, pertanto potrebbe venire da pensare che la profezia parli di Tyrion Lannister (Peter Dinklage). I due si odiano da diverso tempo, pertanto “il mostriciattolo” ben si presta come primo candidato, ma c’è una seconda possibilità.
Cersei è la gemella di Jaime (Nikolaj Coster-Waldau), ma è stata lei la primogenita, e ciò rende il suo amante anche un fratello minore.
E se lo Sterminatore di Re finisse per odiare ed uccidere la donna per cui ha commesso i più atroci delitti?
Dopotutto Cersei non è più la stessa donna di cui si era innamorato, perché oramai nessuna luce vive più in lei.
Esiste, infine, una terza possibilità.
La strega non specifica se questo valonqar sia fratello di Cersei o se si tratti di UN fratello minore.
Ricordiamo che il nome della leonessa è scritto a chiare lettere sulla lista di Arya Stark, la quale si sta pericolosamente avvicinando ad Approdo del Re.

 

Game of Thrones 7

 

Gli Stark

L’inverno è arrivato e gli Stark sembrano possedere diversi assi nella manica, ma non è tutto oro ciò che luccica.
Il bastardo Jon Snow (Kit Harington) è divenuto Re del Nord, ma sembra esserci qualche attrito con la sorellastra Sansa (Sophie Turner) la quale risulta ancora legata a Petyr Baelish (Aidan Gillen).
Il Tordo sta cercando di mettere l’uno contro l’altra, ma ci riuscirà?
Il quadro generale potrebbe cambiare anche in vista delle vere origini di Jon Snow, figlio di Lyanna Stark e Rhaegar Targaryen, poiché attualmente l’unico a conoscenza della sua identità è Bran Stark.
Cosa accadrà quando la verità verrà a galla?
Jon verrà ancora riconosciuto come Re del Nord?  Daenerys (Emilia Clarke) farà leva sul suo sangue Targaryen per garantirsi l’appoggio dell’uomo? Ed il senso dell’onore di Jon, verso quale casata lo spingerà?
Arya (Maisie Williams), dal canto suo, continua a mietere vittime, depennando nomi dalla sua lista. Forte del potere del Dio dai Mille Volti, la giovane Stark è diventata un avversario pericoloso e per nulla da sottovalutare. Con la casata dei Frey, quasi del tutto estinta per mano sua, la lupa marcia alla volta di Approdo del Re.
Chi sarà il prossimo della lista?
Bran (Isaac Hempstead-Wright) stesso ha un ruolo fondamentale: essendo diventato il Corvo a Tre Occhi, le sue visioni potrebbero sicuramente giovare all’esercito del Nord, inclusi i suoi poteri. Abbiamo appreso che il ragazzo è in grado di immergersi e controllare le menti pure come quelle degli animali o di creature dotate di menti semplici, come Hodor.
Quando Bran incontrò il vecchio Corvo a Tre Occhi, chiese se avrebbe mai potuto camminare di nuovo, e ricordate cosa rispose l’anziano?
Tu non camminerai mai più, ma volerai.
E se Bran riuscisse a controllare uno dei draghi di Daenerys?
I poteri di un drago uniti alla mente del Corvo a Tre Occhi, fossi nei nemici del Nord farei molta attenzione.
L’Inverno è arrivato, signore e signori, ed il Nord Non Dimentica.

 

Game of Thrones 7

 

I Dimenticati

Mentre Westeros viene scossa da conflitti esterni ed interni, alcuni personaggi che sembrano essere stati dimenticati potrebbero tornare alla ribalta.
Primo fra tutti, Gendry Baratheon (Joe Dempsie), il figlio bastardo di Robert che ignora completamente le sue origini, cosa che sicuramente non sarà invece sfuggita a Melisandre (Carice van Houten). Se Stannis fosse realmente morto, Gendry sarebbe di fatto l’ultimo Baratheon in vita e, quindi, legittimo erede al trono. Il Dio Rosso potrebbe aver posato il suo sguardo sul ragazzo, il che giustificherebbe l’interesse della Donna Rossa.
Altro personaggio che potrebbe rivelarsi indispensabile è Benjen Stark (Joseph Mawle), finora l’unica creatura che non appartiene ai vivi ma neanche ai White Walkers. Le sue conoscenze potrebbero completamente ribaltare le sorti dell’inesorabile ed ormai vicina battaglia tra Westeros e gli Estranei.

 

Game of Thrones 7

                                                           

Tyrion Lannister

Diventato nientedimeno che il consigliere di Daenerys Targaryen, il mostro di casa Lannister ha giurato fedeltà ai nemici della propria Casata. Tuttavia nuovi indizi potrebbero suggerire che c’è un motivo ben preciso per cui Tyrion sia riuscito a legarsi a Daenerys, e la risposta risiede nelle sue origini.
Tyrion potrebbe infatti essere figlio dello stupro atto da Aerys Targaryen verso Joanna Lannister (moglie di Tywin). A favore di questa tesi ci sarebbero le ultime parole di Tywin quando Tyrion lo uccise:
Tu non sei mio figlio“.
Inoltre, ricordate quanto tranquillamente i draghi si siano comportati nei confronti del nano?

Queste e molte altre vicende si faranno strada nella settima stagione di “Game of Thrones“.
Noi siamo pronti, e voi?

 

Comments

comments

Mark Ruffalo- Hulk
Previous post
Mark Ruffalo: "Non ci sarà nessun film stand-alone su Hulk"
flashbook
Next post
Flashbook torna con un nuovo piano editoriale

No Comment

Leave a reply