Hannah Baker (Katherine Langford).

Tredici (Th1rteen R3asons Why) è la serie originale Netflix del momento. Questa è tratta dall’omonimo romanzo che nasce dalla penna di Jay Asher e, come suggerisce il titolo, consta solo di 13 episodi. La serie ha una narrativa particolare che si districa su altrettante cassette, ciascuna dedicata ad una persona che ha in qualche modo rovinato la vita ad Hannah Baker, che, esasperata, ha trovato l’unica via d’uscita nel suicidio. Il tessuto narrativo resta pressoché intatto e fluido nel corso della serie, e lo spettatore riesce a seguire la trama senza troppe sorprese nella narrazione. Ed evidentemente, Tredici = 13 puntate, tutto torna. MA…

Ma…?

Risultati immagini per clay jensen
Clay Jensen (Dylan Minnette) è il protagonista della serie.
Brian Yorkey, l’autore di “Tredici”.

Ma, anzitutto, The Hollywood Reporter ci comunica che Brian Yorkey  abbia confermato la sua presenza come showrunner di un’eventuale seconda stagione. Giorni dopo, esattamente il 7 maggio 2017, Netflix ha pubblicato un breve teaser che conferma il continuo della serie, per l’anno 2018. Ecco il video in questione:

Questo annuncio sembra quasi costituire una nota un po’ stonata che si colloca nel periodo immediatamente successivo alla conclusione della prima stagione e molti degli interessati hanno cominciato a scambiare le opinioni a riguardo. Il web si è diviso tra sostenitori e detrattori di thirteen (a questo proposito, invito a leggere questo articolo per vedere cosa ne pensano due ragazzi di The Brain Of Pop Culture!). Effettivamente molti sono contrari a continuare la serie, sia per i motivi sopraccitati, in quanto la storia di Hannah Baker sembra essere conclusa (e perché i sequel sono indubbiamente delle armi a doppio taglio che spesso deludono le aspettative), ma soprattutto perché a causa di polemiche derivanti dalla violenza della serie, Netflix dovrà necessariamente aggiungere eventuali disclaimer per i più giovani. Vero è che ci sono ulteriori elementi da chiarire, come… che cosa è successo ad Alex? Perché Tyler conserva delle armi in camera sua? Che fine ha fatto Justin?

La narrazione di “Tredici” è strutturata in base a delle audiocassette numerate in cui la defunta Hannah Baker racconta dei motivi che l’hanno spinta al suicidio.

Nel dettaglio

FONTE: https://twitter.com/netflix
Selena Gomez conferma il suo ritorno come produttrice esecutiva di “Tredici”.

La produttrice dello show, Selena Gomez (sì, proprio QUELLA Selena Gomez) ha ufficializzato il ritorno di Tredici per una seconda stagione, sempre su Netflix attraverso un piccolo teaser recante il numero 2 alla fine della clip. Sotto al video, pubblicato sul suo profilo Instagram, ha scritto “The story isn’t over”, la storia non è finita.

Invece, da quello che traspare sull’account Twitter di Netflix US, pare che:

1. Vedremo le percezioni degli altri sulla storia di Hannah.
2. La storia di Jessica continuerà man mano che si riprenda e torni alla sua vita normale.
3. Ci sarà un nuovo narratore, ma non sarà Hannah: addio cassette!
4. La stagione esplorerà “il modo in cui cresciamo i ragazzi in uomini e il modo in cui trattiamo le ragazze e le donne nella nostra cultura, e come possiamo migliorare in entrambi i casi.
5. Alla fine Bryce otterrà quello che si merita.

(Traduzione personale)

Le nostre speculazioni

È assai probabile che la seconda (e forse anche le successive stagioni) di Tredici, avranno una struttura di narrazione non troppo dissimile alla prima. Probabilmente il nuovo narratore parlerà di altre tredici motivazioni per le quali è successo qualcosa (che adesso, purtroppo non siamo in grado di definire), mantenendo così una sorta di simmetria con la stagione precedente. A giudicare dal tipo di personaggio che si è andato a creare nelle prime puntate, e da brevi indizi disseminati un po’ qui e lì per tutta la trama, il possibile, futuro narratore potrebbe essere Tyler Down (Devin Druid). Questi, il fotografo della scuola ha sempre tenuto d’occhio i personaggi e, nell’ultimo episodio si nota come all’interno della sua stanza, una vera e propria “camera oscura”, abbia alcune foto semi-sviluppate di loro.

Devin Druid è Tyler Down.

Stando alle parole di Yorkey, le cassette verranno sostituite da una tecnologia analoga nella prossima stagione, è assai probabile che saranno proprio le fotografie del ragazzo lo strumento ultimo e importantissimo per la narrazione. E se la seconda stagione fosse incentrata proprio sull’eventuale omicidio di Alex Standall, da parte di Down stesso e sui tredici motivi che avrebbero spinto il ragazzo a farlo?

Ovviamente è ancora presto per fare un qualsiasi pronostico sul contenuto della nuova serie. Per adesso non possiamo che speculare, speculare e speculare. Promettiamo di tenervi aggiornati su eventuali news su questa fortunata serie!