Home » Intrattenimento » Cinema » Kong: Skull Island – Recensione

Kong: Skull Island – Recensione

A 3 anni di distanza dall’uscita nelle sale di Godzilla arriva Kong: Skull Island, con il quale viene introdotto il celebre personaggio dalle fattezze di una scimmia gigante.

Le comparazioni con la pellicola del 2005 di Peter Jackson si sprecano, anche se in questo film si respirano delle atmosfere ben diverse. Siamo nel 1973 e la Guerra del Vietnam si è appena conclusa, guerra che influenza molto le atmosfere del film, con citazioni esplicite ad un capostipite degli war movie quale Apocalypse Now.
Le premesse per un ottimo film dedicato a Kong ci sono tutte, eppure il difetto più grave della pellicola risiede nella mancanza di un’identità: a metà fra un monster movie e un war movie, il film lascia perplessi in più di un’occasione.
kong skull island recensione
La sceneggiatura non brilla mai per originalità e sopratutto porta spesso a situazioni molto prevedibili: l’effetto sorpresa su quello che l’isola può nascondere non c’è praticamente mai (in questo il King Kong di 12 anni fa si rivela migliore). Altra nota dolente risiede nei personaggi, i quali risultano privi di mordente e spesso fungono solo da carne da macello. Nemmeno i protagonisti risultano ben caratterizzati, con un Tom Hiddleston anonimo, un Samuel Jackson stereotipatissimo e una Brie Larson che ha un rapporto con lo scimmione abbozzato e frettoloso (e anche qui la pellicola del 2005 risulta superiore). Tralasciamo gli indigeni, che complice il fatto che non parlano, risultano decisamente dimenticabili (e anche inoffensivi, ma eviteremo di rivelarvi il motivo).

kong skull island recensione
La frettolosità regna sovrana in Kong: Skull Island, complice forse anche un montaggio non dei migliori e il fatto che i protagonisti si ritrovano fin da subito divisi.
Per quanto concerne invece i momenti dedicati allo scimmione c’è poco da criticare: gli effetti speciali sono strepitosi e i combattimenti risultano altamente spettacolari e coreografici.
In definitiva la pellicola può essere considerata come un’introduzione al personaggio di King Kong, il quale dovrò scontrarsi con Godzilla nel film che è previsto per il 2020. Diciamo questo perchè preso come film stand-alone risulta tutt’altro che eccelso, perdendo in toto il confronto con la pellicola di Peter Jackson. Un film godibile per riempire una serata vuota, nulla di più.

Voto: 6.5

Comments

comments

Wonder Woman poster
Previous post
Wonder Woman: Un nuovo trailer!
Next post
Square Enix annuncia Kingdom Hearts Union X

No Comment

Leave a reply