Dopo l’enorme successo del film Smetto quando voglio, pubblico e critica hanno subito puntato il dito nei confronti del sequel, minacciando aria di flop e ripetitività prima ancora che fosse diffuso online il trailer promozionale. Invece Smetto quando voglio 2 è un pugno dritto in faccia ai detrattori: un lungometraggio divertente, colmo di momenti action e dalla trama elaborata. Gli avvenimenti legati al film sono ambientati 1 anno e mezzo dopo l’arresto del protagonista Pietro Zinni (Edoardo Leo). Dopo il suo arresto la produzione di smart drugs – anziché diminuire – è notevolmente aumentata. Sono ben 30 le squadre di chimici e spacciatori in giro per Roma. L’ispettore della Polizia addetto alle smart drugs decide così di riunire nuovamente la Banda dei ricercatori ma questa volta per il bene della Capitale.

La Banda dovrà analizzare, stanare ed eliminare tutti i laboratori di smart drugs agendo nell’ombra, all’oscuro anche della Polizia stessa.

Questa nuova missione per Pietro non è più la scusa per monetizzare e portare il pane a casa ma una storia d’amore, riscatto e la voglia di tornare a casa dalla propria moglie, rimasta incinta poco dopo l’arresto. Il film simboleggia per il protagonista il peso delle proprie azioni e della follia di un momento che ha rivoluzionato pienamente la sua vita in negativo, facendogli perdere – temporaneamente o chissà – gli affetti più cari. Gli altri componenti della Banda invece la vedono diversamente da Pietro: vogliono vivere il momento e cambiare la loro vita da precari ad eroi di strada, sentire l’adrenalina e la voglia di vivere dopo anni di fallimenti e insuccessi.

Nel cast entrano 4 nuovi attori e personaggi: Giampaolo Morelli, Marco Bonini, Rosario Lisma e Luigi Lo Cascio.

Rosario Lisma interpreta l’avvocato di diritto canonico citato in Smetto quando voglio mentre Morelli e Bonini sono due cervelli in fuga richiamati in Italia per aiutare la Banda dei ricercatori nella loro missione punitiva. In particolare Marco Bonini è la componente action – divertenti e qualitativamente ottimi i suoi stunt – all’interno del film.

Smetto quando voglio 2 non supera il primo capitolo ma nemmeno gli è secondo, la qualità è la stessa e il divertimento continua a farla da padrone.

Il regista Sydney Sibilia ha dimostrato di non essere un caso di successo immotivato ma un talento del cinema italiano in continua crescita e mutamento.

Il film ha esordito in tutte le sale italiane il 2 febbraio 2017.

Di seguito il trailer ufficiale del film: