La serie Marco Polo aveva fatto il suo esordio nel 2014 come primo show di Netflix sviluppato negli States e pensato per il mercato internazionale. La serie si ispirava alle gesta del famoso mercante ed esploratore italiano del tredicesimo secolo Marco Polo e dei suoi anni passati alla corte di Kublai Khan

Queste sono le parole di Cindy Holland, Vp di Netflix per i contenuti originali:

Vogliamo ringraziare e siamo grati ai nostri partner, dagli attori ai produttori, inclusi John Frusco, Dan Minahan, Patrick Macmanus e la loro squadra, che hanno messo il loro cuore nella serie.

E’ continua John Frusco

Abbiamo avuto un cast fantastico, un team fantastico e girare in Malaysia è stato un privilegio. Stiamo lavorando ad un idea proprio in questo momento, in questo tipo di territori e ne siamo veramente eccitati.

Come riportato da THR (The Hollywood Reporter), la serie sarebbe costato a Netflix, circa 200 milioni di dollari, con un prezzo per puntata che si sarebbe aggirato attorno ai 9 milioni. Un prezzo troppo alto per uno show così ambizioso, al netto della performance di attori come Lorenzo Richelmy, Michelle Yeoh, Benedict Wong e l’italiano Pierfrancesco Favino.

La serie conta due stagioni e uno speciale dedicato al personaggio di Cento Occhi.