Home » Intrattenimento » Musica » I See You: il nuovo album degli XX

I See You: il nuovo album degli XX

Sono passati ben quattro anni dall’uscita di Chained, il singolo uscito il 16 ottobre 2012 che anticipava Coexist – l’ultimo album degli XX – ma finalmente, dopo qualche rumors di sottofondo, la band inglese ha rotto il silenzio annunciando l’uscita del loro nuovo album – I See You – anticipato dal singolo On Hold.

Il nuovo album – che sarà pubblicato il 13 gennaio 2017 da Young Turks – è stato registrato tra marzo 2014 e agosto 2016 a New York, Marfa, Reykjavik, Los Angeles e Londra con il preciso scopo di ottenere una sonorità nuova e decisamente orientata verso l’esterno. La produzione di I See You è stata affidata ovviamente a Jamie Smith – in arte Jamie xx – il  dj, produttore e – talvolta – batterista che si è aggiunto agli XX nel 2005.

XX

L’uscita di I See You, che sarà il terzo album del trio britannico dopo l’abum d’esordio xx (2009) e Coexist (2012), è stata preceduta dall’annuncio di un tour invernale che inizierà il 28 novembre a Zagabria e si concluderà il 2 aprile 2017 a Santiago de Chile.

Le date della nuova tournée sono state annunciate attraverso la newsletter degli XX insieme a un messaggio – condiviso anche sulla pagina ufficiale facebook della band – in cui il gruppo specifica che il tour sarà l’occasione perfetta per testare le nuove canzoni a cui hanno lavorato per ben due anni.

XX 2

Che dire? E’ palese che gli XX abbiano messo in atto una vera e propria metamorfosi e che lo scopo di  I See You sarà quello di sancire questa rivoluzione e, al contempo, di sorprenderci – si spera – positivamente. E’ certo che la band si sia messa in gioco, uscendo dalla propria comfort zone e scommettendo tutto – dopo anni di silenzio – su questo nuovo disco.

Non ci resta, quindi, che aspettare il fatidico 13 gennaio per poter trarre le nostre valutazioni e decidere se ci piacciano o meno i risultati di questo cambiamento.

 

Comments

comments

Previous post
COD: Infinite Warfare: Poche vendite su Steam
Next post
Secondary ticketing: la truffa

No Comment

Leave a reply