Home » Intrattenimento » Anime & Manga » Sanzoku no musume Rōnya, la serie coprodotta dallo studio Ghibli

Sanzoku no musume Rōnya, la serie coprodotta dallo studio Ghibli

I fan dello Studio Ghibli potranno gioire finalmente. La serie di 26 puntate di Sanzoku no musume Rōnya (Ronia, the Robber’s Daughter -Ronia, the Robber’s Daughter), basata sull’omonimo libro della scrittrice svedese Astrid Lindgren (autrice di Pippi Calzelunghe), sarà finalmente disponibile in Inglese su Amazon Prime prima del 2017. Purtroppo non si hanno informazioni sulla traduzione in italiano, ma intanto il convento ci passa questo.

Ecco la trama della serie:

La storia è ambientata in Europa nel Medioevo. Rōnya vive con sua madre e suo padre il brigante Mattis in un maestoso castello che un fulmine ha spezzato in due parti proprio la notte in cui è nata. La sua vita è inoltre allietata dai briganti capeggiati dal padre, sempre affettuosi con lei.

Il castello è circondato da una foresta popolata da pericolosi animali fiabeschi e per questo Mattis ha sempre impedito a Rōnya di varcarne il portone. Quando però la ragazza diventa grande, ottiene finalmente dal padre il permesso di andare da sola nella foresta: può così esplorare il magico mondo che circonda il castello e che lei non ha mai potuto vedere, assaporando per la prima volta il gusto della libertà.

Un giorno Rōnya incontra casualmente Birk e gli salva la vita, scoprendo che la banda rivale capeggiata dal brigante Borka, nemico giurato di Mattis, si è insediata nella parte nord del castello, che era rimasta disabitata dopo il crollo causato dal fulmine. Birk è il figlio di Borka, ma Rōnya inizierà con lui una storia di amicizia e di amore, nonostante i profondi dissapori tra i rispettivi genitori.

La serie televisiva, fatta con la tecnica CGI, è stata diretta da Goro Miyazaki e coprodotta dallo Studio Ghibli con la collaborazione di Polygon Pictures, trasmessa in Giappone dall’11 ottobre 2014 al 28 marzo 2015. E’ la prima serie animata prodotta dallo studio Ghibli.

 

 

 

 

 

Comments

comments

Previous post
Intervista ad Ombretta Tavano
Next post
Doctor Strange: le prime reazioni della stampa

No Comment

Leave a reply