Home » Intrattenimento » Eventi » Fiere del fumetto » Sono stato al Romics di ottobre 2016

Sono stato al Romics di ottobre 2016

Sono stato al Romics del 2016 con due prodi colleghi, Giovanni e Giulio. Dovrebbe essere una sorta di reportage, ma preferisco fare una lista elencando i pro ed i contro.

Attenzione, si parlerà del Romics ma si utilizzerà un linguaggio forte, non adatto ai deboli di stomaco, e la lista è estremamente soggettiva, quindi per qualsiasi cosa prendetevela con me, mi troverete in Messico. La lista sarà molto schematica, perché so bene che non vi frega un cazzo di leggere 40 pagine di robbbba.

Pro

1 – La presenza di Giulio Rincione che mi ha fatto anche uno sketch. Io lo amo e lui un giorno amerà me.

1 bis – Guardate lo sketch che bello.

eb0f397e-8fee-4de4-8a6e-5924f1587f28

2 – Hanno diminuito gli stand di quello schifo di ramen, e ci hanno messo i tacos. Entro 4 anni riusciranno anche ad essere veloci.

3 – 34 cosplay di Harley Quinn per metro quadrato. Era divertente vedere i fidanzati prendere per mano le ragazze sbagliate. (Si, forse questa non è mia, l’ho sentita quattrocento volte in due minuti, ora fa parte della cultura italiana)

4 – Finalmente ho comprato la spada di Blade.

5 – Ho trovato parcheggio molto facilmente.

6 – Fila inesistente.

7 – Non troppa gente per essere domenica.

8 – Detto da uno che viene da Lucca, il Romics ha un pregio, quello di avere tutti gli stand vicini ed accorpati e non devi farti i kilometri. Inoltre non rischi di morire cascando dalle mura. E quest’anno nessuno si è intossicato con il Sushi.

9 – Di quei pochi cosplay presenti belli, quindi uno su quaranta, quel singolo bello era veramente bello.

10 – La Scuola Romana Dei Fumetti quest’anno ha portato, a mio modesto avviso, i migliori. Almeno nella fascia della mattina.

11- Feudalesimo e Libertà riesce a portare ogni anno una serie di magliette nuove sempre innovative e divertenti.

12 – Stand migliori: Panini, J-Pop, Diabolik.

13 – Galleria con i disegni le copertine di Lopez e gli acrilici di Gabriele Dell’Otto.

14 – La presenza di Moreno Burattini, scrittore di diverse storie di Cattivik, Zagor e Lupo Alberto.

15 – In generale gli ospiti erano tantissimi, e tutti molto graditi.

16 – La proiezione di Evangelion 2.22 You Can (Not) Advance, che è sempre gradita. Si ringrazia dunque la Dynit per le altre proiezioni e le altre anteprime.

17 – L’introduzione ad Arduino.

18- La Lego.

19- Panino con la nutella in faccia a CiccioGamer che urla PIJATELO PIJATELO.

 

Contro

1 – La presenza di David Lopez pubblicizzata malissimo. Ed è stato un grandissimo peccato.

2- La presenza dei soliti coatti: free hugs, free sex (A Roma si dice “manco cor cazzo de n’artro) e simpaticoni che mamma mia una sprangata sui denti.

3- La Lion. E qui esce una simpatica scenetta:

-Salve, un’informazione, Injustice 2, il cartonato, quando uscirà?
-Eh… non esce. Cioè non te lo posso dire ancora, non so se esce, ma perché lo chiedi?
-Beh, ho il primo…
-Eh ma (ora non ricordo bene il gioco di parole, ma sostanzialmente mi ha dato del coglione) se non è annunciato non esce.
-Scusi, ma quindi se fate uscire il numero uno di un qualcosa, sbaglio io a dare per scontato che esca anche un numero due?
-Tutti sbagliate su questo, si.

4 – Pochissimi cosplay belli, in generale. Chi mi conosce sa che comunque vado al Romics principalmente per fare le foto, e questa volta mi sono portato 6 kg di attrezzatura per niente.

5 – Cosplay, già che nemmeno eravate decenti, ma proprio in mezzo ai corridoi dove la gente compra le cose dovete fare i set fotografici?

6 – Io amo Labadessa, come si capisce anche da questa intervista, ma sul serio, troppa fila, non posso morire. Chiamami a casa tesò, io ci ho provato. Sta nei contro solo perché volevo anche io la firma, la dedica, il selfie ed un bacino.

7 – Mi facevano male i piedi.

8- Troppa fila per provare i Playstation VR.

9-  Gli altri visori della realtà aumentata non avevano fila, ma dovevi pagare la prova. Non penso che sia il miglior modo di fare marketing.

10- Una cosa bella del Romics erano i vari posti dove fare le foto, la jeep grossa della roba con gli zombie per esempio. Star Wars aveva la parte della discarica (la scena del film) dove potevi fotografarti, la sezione di Batman aveva il Batsegnale, ecc… ora non ci sta più nulla, giusto due sfondi molto meh.

11 – Quelli definiti Japanfag, Giappominkia o chiamateli come vi pare. Non è piacevole camminare in mezzo ai baka, kawaii e roba di questo genere.

12- Esperti di fumetto, influencer, gente del settore, che millanta accrediti che non ha, per poi dire di non essere andata.

13 – Le gare Cosplay del Romics sono sempre state imbarazzanti, tranne per i vincitori, che se lo sono sempre meritato (vi piace vincere facile eh?).

14- FaviJ

15 – Gli altri Youtuber mai sentiti. Nulla contro di voi, avete fatto successo in un modo, e ve lo meritate probabilmente, perché intrattenete, e quello è il vostro lavoro. Ma i vostri fan sono veramente strani, hanno seri problemi.

16- CiccioGamer ha fatto il solito video dove piange.

 

In conclusione, quest’anno vincono i pro rispetto ai contro. Ci si rivede ad Aprile.

Comments

comments

Previous post
The Downward Spiral (1994) - Recensione
Zaku II
Next post
HG the Origin: MS-06S Zaku II (Char's Custom) - Recensione

No Comment

Leave a reply