Abbiamo avuto la fortuna in questi giorni di provare la closhed alpha del nuovo attesissimo titolo di casa Ubisoft For Honor. Dal 15 al 18 di Settembre infatti si è tenuta questa closed alpha del gioco per tutte le piattaforme, noi l’abbiamo provato su PS4 ed ecco un po di pareri.

Durante questo test, le modalità di gioco disponibili erano tre, Duel, Brawl e Dominion accompagnate da altrettante mappe, Overwatch con una ambientazione giapponese; River Fort, un insediamento nordico e infine Citadel Gate, le porte di un castello medievale, dandoci l’opportunità di scegliere una fra le tre fazioni che troveremo anche nel gioco completo ovviamente, Samurai, Cavalieri e Vichinghi. Nel gioco completo avremo a disposizione quattro classi selezionabili per ogni fazione, mentre in questa prova le classi erano solo due, tra cui una sbloccabile solamente avanzando di livello con la classe precedente, nello specifico le classi erano Orochi e Kensei per i Samurai, Raider e Berserker per i Vichinghi, e Conqueror e Warden per i Cavalieri. Per quanto riguarda le modalità di gioco, come detto prima c’è n’erano tre e ora in ordine vi spiego un po come funzionavano.

  • Duel – come facilmente intuibile dal nome, un vero e proprio duello 1 vs 1 con un altro giocatore. Fra le tre modalità, questa era sicuramente quella più giocata, infatti i combattimenti 1 vs 1 in questo gioco sono molto spettacolari.
  • Brawl – e qua iniziano i primissimi “problemi” riscontrati, questa modalità è un 2 vs 2 identica alla modalità precedente e come si potrebbe intuire, lo scontro può finire molto presto uccidendo il primo nemico e poi dirigendosi direttamente all’altro modificando la modalità in un 2 vs 1 che procura non poche difficoltà.
  • Dominion – questa modalità sono riuscito a provarla poche volte per l’assenza di giocatori purtroppo, ma provandola ho potuto intuire forse il perché la gente non scelga questa modalità, innanzitutto è un 4 vs 4 (affrontando altri utenti o l’intelligenza artificiale) basato sul controllo di tre zone all’interno della mappa, due “strategiche” e una, quella centrale, dove infuria la battaglia con i “minion”, le truppe facili da far fuori. Lo scenario ci propone situazioni di battaglia molto carine con scale, rampe ecc.. ma il problema più grande è qua, la superiorità numerica. Infatti se mentre stiamo catturando una zona ci vengono 2/3 eroi nemici contro, state ben sicuri che siete morti, idem se ci viene anche un solo eroe nemico contro ma insieme ai minion, siete morti lo stesso.

forhonor007_610b

La sopravvivenza quindi in questo gioco va veramente sudata, sopratutto nell’ultima modalità. Il sistema di combattimento è abbastanza vario, infatti abbiamo 4 “pose” che il nostro eroe può assumere e con ciascuna di esse abbiamo dei colpi diversi e sopratutto delle difese diverse che cambiano anche con gli eroi, infatti i Samurai sono più rapidi e precisi, i Vichinghi sono più potenti ma più lenti e i Cavalieri rappresentano la tradizionale via di mezzo. Anche il motore grafico fa il suo lavoro, l’engine AnvilNext, che riesce a muovere molti personaggi su schermo e gestire bene il tutto. Restano però alcuni dubbi riguardanti la longevità sopratutto e la varietà, speriamo che con le prossime alpha e beta riusciremo a vedere qualche miglioramento.

For Honor esce in tutti i negozi il 14 Febbraio 2017, per PS4, Xbox One e PC.

 

Comments

comments