Probabilmente i lettori saranno già al corrente della causa legale intentata da Lindsay Lohan nel 2014 ai danni di Rockstar Games. Secondo l’accusa, Lacey Jonas, personaggio di Grand Theft Auto V mostrerebbe troppe similitudini con l’attrice sia dal punto di vista estetico che nella voce. A marzo era stata rifiutata la richiesta da parte dei ragazzi di Rockstar di chiudere il caso in anticipo. Fortunatamente però i giudici di secondo grado hanno affermato che le immagini adoperate nel videogame non possono essere ritenute come attività pubblicitaria o di commercio. Dunque il caso è stato archiviato. Riportiamo parte del contenuto delle affermazioni della giuria al momento del verdetto:

“Pur accettando le affermazioni della parte ricorrente, secondo le quali i ritratti presenti nel videogioco sono sufficientemente simili da essere considerati una rappresentazione della parte querelante, le richieste della stessa devono essere archiviate perché questo videogioco non rientra tra le definizioni legali di “pubblicità” o “commercio”…”.

“La storia di questo videogioco, i personaggi, i dialoghi e lo scenario, combinati con l’abilità del giocatore di scegliere come procedere, lo rendono un lavoro di fiction e di satira”.

Dunque tutto è bene quel che finisce bene. Rockstar non perderà milioni e andrà a giovamento dei giocatori di tutto il mondo!

Comments

comments

CONDIVIDI
Articolo precedenteStan Lee elogia Derrickson per Doctor Strange
Articolo successivoJesus VR: Il primo film in realtà virtuale?
Classe 1990, viene cresciuto a suon di Tekken 3, Crash Bandicoot e Resident Evil, e ciò inevitabilmente influisce sulla sua psiche, dando origine a una creatura ossessionata da tutto ciò che è possibile giocare tramite un controller. Ha una grande passione per la scrittura e per il mondo del cinema in generale. Nel frattempo si è specializzato in Biologia Molecolare. Punti cardine della sua cultura nerd: Metal Gear Solid, Sin City, Spielberg e Scrubs.