Si calcola che un adulto su tre abbia la tendenza a collezionare qualcosa, ma definirei collezionista soltanto chi ha almeno una raccolta importante, che custodisce gelosamente, su cui investe buona parte del suo denaro e del suo tempo, di cui parla spesso con  chi può condividerne la passione

E’ la definizione di Gabriele Melli  psicologo dell’Istituto di Psicologia e Psicoterapia Comportamentale e Cognitiva di Firenze.

Quest’attitudine umana alla collezione è sostenuta dal presidente dell’Associazione Italiana Psicologia e PsicoterapiaCarlo Cerracchio, secondo il quale “si colleziona per un bisogno di possesso, ordine, conservazione e classificazione”.
Si parte dalla prima infanzia, in particolare tra i 2 e i 4 anni, come possiamo notare nelle collezioni dei famosissimi album di figurine Panini o le sorpresine dell’ovetto Kinder.
Saranno pure desideri mossi dai Mass Media sotto l’effetto di strategie di marketing, ma il successo è assicurato!

Occorre però distinguere il sano collezionismo e quello “patologico”.
Di norma infatti, il collezionismo, quando consapevole, ha effetti positivi sia a livello sociale sia psicofisico; di fatti è appurato scientificamente che collezionare qualcosa:
– Apra la mente
– Sviluppi l’attenzione
– Aumenti la sicurezza di sé

Andiamo adesso ad analizzare quali sono gli oggetti più ambiti da collezionare:
Quelli a noi più noti sono: action figures, cardmodellini,  fumetti… ma allontanandoci dalla sfera “nerd”  troviamo una variegata serie di tipologie di collezioni: la filatelia, la numismatica, le cartoline, le calamite…  Negli anni settanta si iniziarono a collezionare miniassegni, negli ottanta impazzì la moda degli swatch, negli anni ci si concentrò sulle schede telefoniche… Ma non solo… c’è chi colleziona tagliaerba, ombrelli, lattine di birra e molto altro ancora!

Prendiamo come esempio il californiano Ken Ballister che ha collezionato oltre 17000 articoli aventi per tema la banana, arrivando a fondare l’International Banana Club Museum che conta oltre novemila iscritti.
Il milanese Terzo Maffei, invece, ha raccolto oltre 1500 lettere di raccomandazione come vera e propria testimonianza dell’abitudine Italiana all’imbroglio.
Nella serie tv “Dexter” il protagonista ama collezionare vetrini con il sangue delle sue vittime.
Insomma… non importa cosa, basta COLLEZIONARE!!!

Qui postiamo alcune foto di collezioni, dalle più semplici alle più anomale e strambe.

 

michael-thomasson-videogiochi-guinness-world-record-638x425
Michael Thomasson con ben 10.607 titoli videoludici riconosciuti come “Guinnes World Record”

 

seth-batman-toy-collector-collection-15  Collezione Batman di Seth             large  Camera stile Batman all’albergo “Eden” in Taiwan

 

asako-kanda-hello-kitty-512x320
La giapponese Asako Kanda, la più grande collezionista di oggetti di Hello Kitty

 

biggest-super-mario-fan3-550x825
Mitsugu Kikai, 25 anni. Premiato come il più grande collezionista e fan di Mario Bros

 

8-14-98-5 BANANA -- BERNARDO ALPS -- PCITY ALTADENA--"Top banana" Ken Bannister wears one of his banana suits and holds a banana putter at the banana museum, which also serves as headquarters for his International Banana Club.
Ken Bannister fondatore del “International Banana Club Museum” e collezionista di oggetti che ritraggono Banane

E voi? avete qualche particolare collezione? Postate le foto!

Comments

comments