Home » Intrattenimento » Cinema » Studio Ghibli: Un luogo di incredibile stress!

Studio Ghibli: Un luogo di incredibile stress!

Hirokatsu Kihara, ex impiegato di Studio Ghibli che ha partecipato alla realizzazione di prodotti indimenticabili quali My Neighbour Totoro, Kiki’s Delivery Service e Laputa: Castle in the Sky, rilascia delle dichiarazioni sul suo precedente luogo di lavoro non proprio rassicuranti.

Egli afferma infatti che lo Studio Ghibli è un posto dove ti senti come se ognuno fosse rimpiazzabile, persino Miyazaki stesso, un luogo dove non è importante assumere persone creative ma persone che possano compiacere i produttori, i quali vogliono soltanto seguaci, non nuovi leaders. Non è un luogo come la Disney dove ogni talento viene promosso e incoraggiato per ottenere sempre il meglio dal contributo di ogni singolo dipendente.

Tutto ciò secondo Kihara ha influito inevitabilmente sulla qualità dei film d’animazione rilasciati, e a suo parere, dopo Kiki’s Delivery Service, non ci sono stati altri prodotti degni di nota, poiché l’ambiente in cui si lavora non è un ambiente che favorisce la nascita di idee nuove e sorprendenti. Ed è questo il motivo principale per cui Kihara ha lasciato lo studio per dedicarsi alla scrittura di storie horror di successo.

Egli inoltre dice di essere stato in passato confidente di Miyazaki stesso per quanto concerne idee e concetti, e il problema maggiormente riscontrato tramite le loro chiacchierate è stato che Miyazaki ha il difetto di concentrarsi solamente su un progetto alla volta, e di dare tutto se stesso per quel singolo prodotto, estraniandosi dunque da qualsiasi altra idea.

Ovviamente dal canto nostro non siamo d’accordo su quest’ultima affermazione, in quanto il maestro, dando anima e corpo su un unico lavoro non fa altro che ottenere risultati sempre ottimali e che soddisfano appieno i fan. Risulta comunque preoccupante sapere che nello Studio Ghibli, luogo dove vengono creati veri e propri sogni animati, ci sia un ambiente di pressione e ansia per il domani.

Comments

comments

Previous post
Un primo sguardo a Batman: The Telltale Series
stan lee
Next post
Stan Lee contro il "F**k Marvel" di David Ayer

No Comment

Leave a reply