Home » Miscellanea » Pop Cultura: Le VHS sono davvero morte?

Pop Cultura: Le VHS sono davvero morte?

Con l’avvento delle librerie digitali molti utenti si sono allontanati da quel forte amore per il collezionismo che contraddistingueva l’universo del cinema e delle serie tv, abituandosi al semplice click online per guardare il loro film preferito. La voglia di avere tutte le VHS o orde di DVD nelle proprie case sta pian piano svanendo e solo pochi collezionisti cercano quotidianamente di salvare le ultime copie rimaste di ogni singolo film che hanno visto nella loro vita, bello o brutto che sia.

Se girovagate per mercatini non vi sembrerà così assurdo trovare videocassette di opere di Cronenberg, Lynch o Carpenter buttate in una cesta per meno di 1 euro, a prender polvere come oggetti senza un valore, perché in realtà un valore lo hanno sempre avuto. Basti pensare a quando noi stessi da bambini inserivamo la VHS nel videoregistratore e guardavamo film su film al giorno, inceppando numerosissime volte il videoregistratore con conseguente partaccia di Mamma e Papà che non capivano la nostra passione per il cinema.

In un mondo quasi totalmente dominato dalla libreria digitale, dovrebbe esserci anche rispetto per il collezionista e l’amante della copia fisica del film, dargli l’opportunità di avere quell’oggetto del desiderio seppur in tiratura limitata, anziché ucciderne totalmente il commercio. Gli amanti della PopCultura non sono di certo pochi, però ogni azienda cerca di guadagnare sempre sul futuro, più che sul passato (tralasciando note case videoludiche che hanno fatto del retrogame la loro missione).

Il noleggio non deve morire, nonostante le enormi stragi fallimentari in Italia e nel mondo, noleggiare il film o comprarlo significa anche supportare ciò che si ama, mentre con lo streaming e le librerie digitali non è detto che il visitatore pagherà per guardare, non per forza cercherà solo piattaforme a pagamento come Netflix (seppur convenienti e ben fornite, anche io ne sono cliente nonostante continui a collezionare) per vedere un film e questo, non fa altro che uccidere le attività dei piccoli commercianti.

Mentre in tanti pensano che la videocassetta sia ormai morta e sepolta, un talentuoso artista dimostra il contrario, portando avanti una missione impressionante, tanto da chiederci come faccia a sfornarne così tante opere in poco tempo. Non parliamo di pizze, bensì di una rielaborazione dei film attuali come se fossero usciti negli anni 80/90, comprese di copertine ultra vintage.

L’artista, soprannominato Steelberg ha ricreato tantissime VHS di film e serie tv moderne, ve ne mostriamo alcune qui e per tante altre ancora vi lasciamo al suo meraviglioso Instagram.

Stranger Things

The Neon Demon

Mad Max – Fury Road

Kung Fury

Vi lasciamo anche un trailer di Stranger Things, la serie Netflix del momento come se fosse uscito negli anni 80, non collegato direttamente a Steelberg.

Comments

comments

Previous post
Tre episodi dei Simpson da non perdere! (Pt 1)
Next post
PS4 Slim: In Inghilterra si trova già usata

No Comment

Leave a reply