Home » Intrattenimento » Animazione » TheSimpsons » Ricordate The Simpsons – Hit and Run?

Ricordate The Simpsons – Hit and Run?

Tutti gli appassionati del marchio The Simpsons ricorderanno sicuramente Hit and Run, videogame dedicato alle avventure della famiglia gialla più amata della tv! Il problema principale dei precedenti capitoli videoludici dedicati ai Simpson era la mancanza di una storyline efficace e di un gameplay altrettanto soddisfacente, si finiva facilmente nella troppo ripetitibilità che non giovava di certo né al giocatore e nemmeno alla Vivendi che pian piano cominciava a perdere clientela. Prima di perdere totalmente le speranze, ecco esordire The Simpsons: Hit and Run, videogame che ispirandosi alle meccaniche del popolarissimo GTA e di Crazy Taxi, diverrà uno dei titoli più amati per PS2.

La trama del gioco è molto semplice ma anche in grado di far riflettere, un Grande Fratello spia gli abitanti della cittadina di Springfield, cercando di scoprire informazioni non identificate tramite delle Wasp Cameras. I personaggi utilizzabili sono Homer, Bart, Lisa, Marge e Apu e con ognuno di loro avremo la possibilità di vedere diverse location della città come il Jet Market, la casa di Mr Burns o il monumento a Jebediah Springfield e addirittura l’ultimissimo livello è un grandissimo tributo a tutti gli speciali di Halloween!

Nel gioco c’è la possibilità di sbloccare diversi costumi (proprio come in GTA) inerenti a diversi episodi della serie, un esempio è: Stonecutter Homer, Homer Ciambellone, Homer Diavolo, Bart Daredevil, Marge Prigioniera e Lisa Hippie.

Le meccaniche di gioco permettono di calciare, investire o saltare sui personaggi, a differenza di GTA ovviamente nessuno può morire. I diversi protagonisti dovranno distruggere le Wasp Cameras e collezionare monete per sbloccare i costumi a loro dedicati.

Di seguito il trailer del videogioco The Simpsons – Hit and Run!

Comments

comments

Previous post
La Knightmare Edition tratta da BVS!
Next post
Hurricane Ivan: una chiacchierata sul fumetto underground

No Comment

Leave a reply