Home » Intrattenimento » Animazione » Batman – The Killing Joke – Recensione (Versione Animata)

Batman – The Killing Joke – Recensione (Versione Animata)

Batman – The Killing Joke riesce a racchiudere tutta l’essenza dell’opera cartacea, risucchiato lo spettatore in un vortice di delirio e pazzia.

Dopo una lunga attesa è finalmente arrivata la versione animata dell’opera per eccellenza di Alan Moore e Brian Bolland.

TRAMA

Il Joker è appena evaso dal manicomio è sta seminando di nuovo il panico a Gotham City. Questa volta però il pazzo criminale decide di attaccare chi è più vicino a Batman, cercando di trascinare anche lui nel vortice che abbraccia la sua mente sadica e malata.

Per il lungometraggio è stata inserita anche Batgirl, che regala spunti interessanti.

batman-the-killing-joke-film-trailer-warner-bros-2016-08

ANALISI

Come abbiamo già accennato quest’opera animata si rifà in maniera molto fedele alla controparte originale. Infatti vengono narrate le origini (ipotetiche) del Joker attraverso flashback toccanti e drammatici che racconta la discesa alla follia del nemico più pericoloso di Batman.

La vera essenza del fumetto possiamo trovarla in maniera frizzante, elegante ed energica in questa controparte animata.

I punti a favore per questo prodotto sono veramente tanti, partendo dalla regia e dalla fotografia che offrono uno scenario cupo, spento, drammatico. Le luci e le ombre si fondono e danno vita a quello che probabilmente è una delle trasposizione fumettistiche più riuscite degli ultimi anni.

I personaggi e il doppiaggio bucano lo schermo, grazie a dei dialoghi toccanti e taglienti, il lavoro dei doppiatori è davvero di alto livello perché riescono ad immedesimarsi al 100% nella loro controparte, così da mettere in risalto prove positive come quella di Mark Hammil che ha prestato la voce al Joker.

Si il Luke Skywalker di Star Wars è sicuramente uno dei punti di forza dello show, ha portato sullo schermo un Joker pazzo, delirante e divertente senza tralasciare il lavoro fatto da Moore e Bolland regalandogli un tributo non indifferente.

the_killing_joke_jpg_1003x0_crop_q85

CONLCUSIONE

Anche se arricchita da sequenze diverse dal fumetto che possono essere considerate mediocri e da mediante per il grande svolgimento che seguirà,  la versione animata di The Killing Joke non delude, riuscendo a portare sullo schermo tutto quello che il fumetto di Alan Moore e Brian Bolland ha voluto trasmetterci, arricchendo il tutto con una resa grafica eccezionale e una regia ottimale.

Comments

comments

Previous post
Nuovi Metal Gear e Castlevania in futuro!
Next post
Richard Thompson muore all'età di 58 anni

No Comment

Leave a reply