Physicsofsuperheroes1
La fisica dei supereroi.

James Kakalios, classe 1958, è un professore di fisica dell’università del Minnesota. Nel 1985, per alleviare lo stress dovuto al carico di studio eccessivo, comincia la sua collezione personale di fumetti, e nel 2005 pubblica il suo libro “La fisica dei supereroi” , tramite cui raggiunge fama mondiale. Chiunque abbia il nostro caro professore come insegnante all’università dovrebbe sentirsi estremamente fortunato. Infatti James è solito solleticare l’attenzione degli studenti  correlando le leggi fisiche alle imprese dei più noti vigilanti in costume! (Cliccate qui se volete informazioni sulle teorie fisiche del professore riguardo Thor e il suo martello)

Ad esempio, se pensiamo semplicemente a Superman, questo supereroe è in grado di effettuare salti di oltre 200 metri. Il professore afferma che, applicando le leggi sul moto di Newton, tenendo  conto della resistenza dell’aria, e sapendo che l’accelerazione di gravità è di 9,8 metri al secondo, è possibile affermare che il Kryptoniano, per spiccare i suddetti balzi, deve staccarsi da terra alla velocità di 62 metri al secondo, pari a 225 km orari.

Inoltre il motivo per cui salti cosi alti vengono compiuti con tale facilità, è da ricercare anche nel fatto che la Terra presenta una forza di gravità 15 volte inferiore rispetto a quella di Krypton. Un discorso analogo viene applicato anche alle grandi capacità di Flash. Egli è in grado di raggiungere una velocità tale da salire tranquillamente lungo la parete di qualsiasi palazzo semplicemente correndo sulla superficie di quest’ultimo.

Kakalios afferma che ciò sarebbe possibile, se e solo se,tra un passo e l’altro, Flash riuscisse a percorrere una distanza pari all’altezza del palazzo in un ottavo di secondo. La velocità che serve a compiere quest’impresa è pari a 5760 chilometri orari e, per ricavare l’energia necessaria, Flash dovrebbe bruciare le calorie contenute in 150 milioni di cheeseburger. Ovviamente, per quanto le spiegazioni fornite dal professore possano essere fisicamente attendibili, risulta comunque difficile se non impossibile seguirle alla lettera, o almeno è impossibile se non sei uno dei supereroi  dei fumetti.

In conclusione possiamo affermare che il libro “La fisica dei supereroi” è utile per spiegare concetti fisici elementari, avvicinando cosi il pubblico meno esperto in materia, mentre non aggiunge nulla di nuovo per chi possiede già conoscenze dell’argomento.