Home » Games » Videogiochi » Kojima: due indizi, una certezza

Kojima: due indizi, una certezza

Nello scorso articolo riguardo il nuovo titolo del maestro “Death Stranding”, abbiamo già in parte approfondito il discorso sul viaggio nel tempo. Kojima però ci ha abituati a nascondere in ogni minimo particolare, ogni minima sfaccettatura, un’epifania o comunque un indizio importante ai fini della trama. E sembra che questa sua tendenza a voler incitare i fan a pensare, a interrogarsi, ad inviare loro dei piccoli, quasi impercettibili segnali, sia stata confermata anche in questo caso.

. La canzone che fa da sottofondo al trailer con protagonista Norman Reedus, è intitolata “I’ll Keep Coming”, e ai più attenti osservatori non può sfuggire che questa frase costituisce un ulteriore e chiaro richiamo ai viaggi nel tempo. In particolare subito la nostra mente è ricondotta ad una recente opera cinematografica, diventata ben presto un cult fra il pubblico nerd, stiamo parlando di “Edge of Tomorrow”, pellicola del 2014 avente come protagonista Tom Cruise. Nel film in questione, l’eroe si ritrova “bloccato” suo malgrado  in loop temporali, e cerca di sfruttarli per tentare di salvare l’umanità dall’estinzione.

Dunque Norman Reedus potrebbe essere anch’egli un viaggiatore temporale, il quale prova a cambiare il destino di una razza umana in procinto di essere completamente cancellata, rivisitando continuamente frangenti di tempo di importanza cruciale, e interferendo dunque col naturale corso degli eventi. Si potrebbe addirittura azzardare l’ipotesi che il neonato intravisto nel trailer di “Death Stranding”, non sia altri che lo stesso Norman Reedus, il quale ripercorre i suoi primi istanti di vita, essendo tornato indietro nel tempo.

Basti pensare a come sia stato determinante ai fini della trama il titolo di una canzone del precedente videogame sviluppato da Hideo, “Metal Gear Solid V: The Phantom Pain”. All’inizio del gioco infatti, viene menzionato un brano, “The Man Who Sold The World”, e tutti i fan della saga di Metal Gear sanno bene quanto sia importante questa frase per il finale di gioco. Il leader della Kojima Productions ancora una volta dimostra di possedere una cultura generale profonda e una conoscenza del mondo fantascientifico imponente, che gli permettono di creare prodotti originali e irripetibili. Caro maestro, ancora una volta, confidiamo nella tua magnificenza.

Comments

comments

Previous post
Marvel: "Spider-Man è solo il primo di un'epica serie di videogiochi"
Next post
Waylon Smithers dei Simpson non è mai stato afroamericano

No Comment

Leave a reply