Home » Intrattenimento » Comics » Paperi: PaperUgo – Coltivare il dolore nella pancia

Paperi: PaperUgo – Coltivare il dolore nella pancia

PaperUgo è il primo albo che andrà a comporre la miniserie Paperi, di tre numeri, edita da Shockdom sotto l’etichetta Fumetti Crudi.
I disegni sono del bravissimo Giulio ‘Batawp’ Rincione (esclusa pagina 3, illustrata da Prenzy); la sceneggiatura è scritta dal suo fratello esordiente Marco.

Protagonista di questo primo capitolo è un Paperoga profondamente triste, costretto a recitare sulle pagine di Topolino quasi tutto il giorno. Ma solo dopo aver finito di lavorare, mentre si strucca davanti ad uno specchio, inizia a sentirsi male. Un dolore fisico e psicologico lo inghiotte, scaraventandolo nella cruda realtà di cui è vittima.
È terrorizzato dall’indifferenza dei concittadini che lo schiacciano senza volere, che lo umiliano sempre più ogni minuto che passa.
Il suo obiettivo è tornare a casa, possibilmente con una confezione di latte, per restare solo con ciò che ha dentro.

Questo fumetto è la telecronaca di un dramma interiore che nasce da una inadeguatezza e dall’impossibilità di dare un senso alla propria vita.
Il protagonista sopravvive controvoglia, spinto da una voce interiore (forse dello sceneggiatore?) che, probabilmente, gli infonde costantemente un briciolo di speranza.
Paperoga si sente perennemente vittima di un’esistenza piatta, tanto che persino la paura è da lui accolta come una novità interessante.
L’albo, inoltre, critica la superficialità della società moderna: assuefatta dal lavoro e da “Quackzapp”; capace di infierire solo sul più debole; impassibile di fronte alla disperazione di un papero brutto.

I Rincione ci regalano così una profonda tristezza, un senso di colpa che ci imprigiona e la voglia di entrare nelle pagine del fumetto per abbracciarne il protagonista.

Giulio è in continua crescita e sperimentazione: è stato capace, in questo albo, di visualizzare (in particolare di colorare!) in modo incredibile la decadenza e lo squallore descritti dal suo gemello Marco. Quest’ultimo, alla sua prima prova da sceneggiatore, ha scelto con cura le parole crude, vere protagoniste delle vignette, capaci di affondare nel cuore dei lettori.

Il duo palermitano è sotto i riflettori, gli strani paperi pure.

“Il dolore è così forte che sento le costole bruciare.”

Paperi #1 – PaperUgo
Marco Rincione, Giulio Rincione, Prenzy
Shockdom, gennaio 2016
32 pagine, spillato, colore – € 3,00

Comments

comments

Previous post
Il nuovo Han Solo è...
Next post
Overwatch super ricercato su pornhub

No Comment

Leave a reply