Home » Intrattenimento » Serie TV » Gomorra Ipsum: l’App con le frasi di Gomorra

Gomorra Ipsum: l’App con le frasi di Gomorra

Gomorra, ormai il telefilm preferito di molti utenti Italiani e nel mondo, tanto da far preoccupare il settore del porno, è la serie televisiva che ha risollevato le sorti dei prodotti televisivi nostrani. Un perfetto Mix di dialoghi perfetti (difficili da seguire per qualcuno), violenza e storie sul limite della realtà ambientate nella periferia napoletana. Un telefilm diventato ormai un cult in tempi brevissimi, seguito in tutto il mondo.

Sono tante le frasi culto ormai, come la famosissima Sta senza pensier, ed altre frasi che non metterò per non offendere con la mia incapacità i miei colleghi campani. So venut’ in mocc’! Per capire il significato sono andato a chiedere, io pensavo che si riferisse ad una capocciata sul naso, ma andiamo avanti. Tra tutti i fan dei Savastano, ne abbiamo trovati due interessanti:

  • Marco Albano ha creato un’App con le migliori frasi di Gomorra.
  • Invece una persona anonima   Gennaro Esposito,  della quale non riesco a trovare il nome, ha creato Gomorra ipsum, modificando il classico Lorem Ipsum, sostituendo il latino con le varie frasi di Gomorra.

Schermata 2016-05-28 alle 19.30.45

Un grandissimo Mea Culpa per questa figura barbina, ma dopotutto questo è il bello della diretta.

 

Qui qualche prova:

‘A verità è c’aggia lassat’ a Napule ‘na banda ‘e sciem’ ca nun trovan’ mang’ o cazz’ inda a mutanda! Genny è nu pisciazz’! ‘A gent’ ca te fa guaragna’ e sord’ nun s’accire, s’accata! A Zecchinett’ o vulev’m’ bene tutt’ quant’ assaje! Quando mio figlio era criaturo io ‘o purtave sembe a veré ‘e scigne, e isse me riceve: «Papà, ma comme è possibile, che degli animali accussì scieme, vogliono fare quello che fanno i cristiani?» ‘E scigne, sò belle quando fanno quello che dice il padrone pecché se vogliono comandare da sole diventano pericolose, s’hanne abbattere!

 

Quann steva là in Honduras, steva rint a na capanna e nziemm a me ce steva n’american ca parlava, parlava pecché teneva paura. E intant’ e sord tuoj nunn arrivavan. ‘Na sera gli honduregni me mettetter’ nu macete n’man e gridavan’: ‘Accirel’! Accirel’! Je pregav’, pregav’ ca corcrun’ me venev’ a salva’, ca tu me veniv’ a salva’! Ma nient’… E loro continuavan’ a grida’ ‘Accirel’! O accirimm’ nuje a te! E allora l’aggia fatt’: aggia abbiat’ a taglia’ primm’ a cap’, po ‘e bracc, po ‘e man’! L’aggia fatt’ piezz’ piezz’! Mo capisc’?!

Brav! E patt sò patt, è ‘o vero, Zecchiné? ‘Sta vota sit stat fortunat pecché nun simm venut direttament a casa vostra e ce sò fernut miezz tanta cristian ca nun c’azzeccavan nu cazz. Co stu fatt ca vui nir a notte sit tutt ugual, v’a sit cavata bona, ma nun ce pruvà chiù pecché ‘a prossima vota ce muvimm c’o iuorn e nuie c’o iuorno nun sbagliamm! Si nun era pe’ me tu stiv’ ancora a fa’ o guagliunciell’ appriess’ a Ciro! Je t’aggia mannat’ là perché dovevi trattare e t’aviva ‘mpara’! E me par’ ca a coccos’ è servut’, o no? O mi sbaglio? Stasera te ne vai a piglia’ a tua madre e cu fratet’ ve ne turnate a’ Spagna! Je ve trov’ na fatica, ‘na cosa tranquilla. Qua lo capisci pure tu, nun putit’ resta’! Almen’ fin a quann’ nun sistem’ tutt’ cos ch’e Savastan’.

 

Comments

comments

Previous post
Daredevil: Annunciate nuove figure tratte dalla serie Netflix
Next post
I Giuramenti del corpo delle Lanterne

No Comment

Leave a reply