Home » Intrattenimento » Comics » Amazing Spider-Man #1 – Recensione

Amazing Spider-Man #1 – Recensione

Il grande evento Marvel Secret Wars ha sconvolto completamente l’universo supereroistico della casa delle idee come la conoscevamo. Gli eventi narrati durante le guerre segrete hanno portato anche una ventata d’aria fresca nella continuity dei personaggi, infatti il 12 maggio 2016 è stata finalmente rilasciata la nuovissima Marvel, che offre dei nuovi inizi ad Iron Man, Ant-Man, Daredevil, Captain America, Spidey, e Amazing Spider-Man di cui andremo a parlare oggi.

Trama

Peter Parker è sempre stato un ragazzo sfortunato, il corso degli eventi si è sempre rivolto in modo negativo verso di lui, sia nella vita privata che nella carriera intrapresa come arrampicamuri. Ore le cose vanno meglio, ha un’impero in continua espansione proprio come le Stark Industries, solo più povere. Le Parker Industries.

Le Parker Industries stanno riscuotendo un enorme successo tanto da aver aperto uffici a New York, Shanghai, Londra e San Francisco. Ma il successo genera nemici e un rinvigorito Zodiac bramerà di conquistare il mondo intero.

Analisi

Peter Parker è cambiato. Il tenero ragazzo “indifeso” e gentile che ci ha accompagnato in questi anni non esiste più, o almeno queste caratteristiche ci sono ma non sono di rilievo come nelle vecchie storie del tessiragnatela. Slott si è divertito a scrivere Spider-Man a modo suo, affrontando minacce di morte e insulti, rischiando, provando, e centrando il suo obiettivo. Uno Spider-Man nuovo, fresco, egocentrico, logorroico e figo. Peter Parker si è completamente trasformato, il suo mutamento ha provocato dubbi ed incertezze non solo nei fan di vecchia data, ma la “nuova forma” ha anche ripercussioni sui contatti umani che Peter affronta nelle tavole splendidamente illustrate da Giuseppe Camuncoli.

Di seguite le cover con cui il primo numero è stato rilasciato:

amazing-spiderman

Camuncoli, il disegnatore di questo nuovo Spider-Man entra di forza e maestria nella pagine di questa nuova serie, regalandoci una performance eccezionale, dei disegni frizzanti, dinamici e unici mantenendo sempre lo stile che ha caratterizzato le pagine di Superior Spider-Man. Dato molto importante visto che la nuova formula sperimentata da Slott è  stata lanciata proprio nelle pagine dove Octopus aveva presa possesso della mente e del corpo di Peter Parker.

Le tavole riescono ad amalgamarsi con la sceneggiatura, tutti i particolari delle vignette vengono a galla, regalando un mix esplosivo di azione e adrenalina pura alternata da dialoghi semplici, ma per niente banali chiarendo la situazione degli avvenimenti.

AMAZING SPIDER-MAN 1

Conlusioni

La nuovissima Marvel reagisce bene al rilancio, Amazing Spider-Man #1 non delude le aspettative, la coppia Slott e Camuncoli è un mix niente male, regala un numero leggero, fresco e semplice che ci immerge nella mente e nei panni di uno Spider-Man completamente nuovo e interessante. Nonostante le critiche ricevute dagli scettici questa nuova forma del ragno è molto intrigante, misteriosa e piena di sorprese, una ventata d’aria fresca serviva, a volte la novità non è sempre un male, i tempi cambiano e bisogna adattarsi e Spider-Man non è da meno.

Voto 7/10

Non dimenticate di passare dalla nostra pagina facebook e dal gruppo di discussione.

Comments

comments

Previous post
MacGyver: Trailer della nuova serie tv
Next post
Robert Downey Jr vuole Mel Gibson alla regia di Iron Man 4!

No Comment

Leave a reply